+39 0332.575101 | Roggiano, via Albostro 1 |
 roggiano@stmarta.org | ▶ Registro online

Inserisci i tuoi dati

Password persa? 

Ricorda Password:

NO

SI

Procedura Ripristino Password.

Inserisci l'email con la quale ti sei registrato e clicca Ripristina.
Riceverai un'email con un link che ti permetterà di scegliere una nuova password.

ARTICOLI ATTIVITàEDUCANDATO: LA TERZA PRIMARIA A PASSEGGIO TRA I MONTI

Educandato: la terza primaria a passeggio tra i monti

Educandato: la terza primaria a passeggio tra i monti

Il 16 e il 17 aprile 2019 la classe terza primaria dell’Educandato di Roggiano si è avventurata tra boschi e montagne del nostro territorio. Partenza dalla scuola alle 8:30 direzione Rifugio Campiglio a Pradecolo. Gli alunni super equipaggiati, con tanto di sacco a pelo, dopo aver lasciato al rifugio la borsa per il pernottamento, si sono addentrati nel bosco coperto di foglie di faggio, percorrendo il sentiero che porta all’Alpone. Accompagnati da tre esperti del CAI, hanno osservato alberi e fogliame, imparato nuovi vocaboli scientifici e scoperto aneddoti storici: Terio ha fatto da cicerone spiegando e raccontando con passione, Lucio ha aiutato i bimbi in coda al gruppo e Pasquale, il più scherzoso, alla meta ha premiato i bambini con una bella partita a bandiera! Per gli accompagnatori è stata una gioia osservare i bambini in mezzo alla natura, prima impegnati a fare attenzione sul sentiero e a superare piccoli ostacoli, poi a inventare giochi con ciò che i nostri boschi offrono. Alla sera, dopo aver condiviso la cena, tutti in branda per recuperare le energie necessarie ad affrontare la sfida del giorno dopo, la più impegnativa: la cima del monte Lema. Dopo una sostanziosa colazione, Enrico e Guido, altri membri del CAI, ci hanno accompagnato sino alla vetta. Questa camminata ha temprato i bambini: alcuni hanno affrontato la salita di petto, altri con alcune soste, altri con qualche aiuto, ma alla fine tutti ce l’hanno fatta e il fantastico panorama ha ripagato ogni fatica. Per insegnanti ed alunni è stata un’esperienza speciale: dall’alto lo spettacolo che si può gustare riempie cuore e anima, lascia a bocca aperta e suscita emozioni indelebili. Inoltre la montagna spinge a superare i propri limiti e la fatica che si prova porta a sentirsi forti e capaci, ottimo modo per allontanarsi dalla logica del tutto e subito che purtroppo oggi sembra all’ordine del giorno. Un ringraziamento sentito va dall’Educandato al CAI che con disponibilità ed esperienza offre un’ampia scelta di esperienze atte a valorizzare il nostro stupendo territorio e il legame che dovremmo avere con la natura che ci circonda.  Che dire… esperienza assolutamente da ripetere!