+39 0332.575101 | Roggiano, via Albostoro 1 |
 roggiano@stmarta.org | ▶ Registro online

Inserisci i tuoi dati

Password persa? 

Ricorda Password:

NO

SI

Procedura Ripristino Password.

Inserisci l'email con la quale ti sei registrato e clicca Ripristina.
Riceverai un'email con un link che ti permetterà di scegliere una nuova password.

ARTICOLI ATTIVITàATTIVITà DENTRO E FUORI SCUOLA

Attività dentro e fuori scuola

EDUCANDATO: TANTE ATTIVITÀ DENTRO E FUORI LA SCUOLA

Mentre il primo quadrimestre si avvicina alla fine, all’Educandato di Roggiano si preparano tante attività che vedranno gli alunni impegnati dentro e fuori la scuola.

Con la fine di gennaio, infatti, arrivano i tre giorni di flessibilità dedicati ad attività di potenziamento e recupero di tutte le discipline e all’approfondimento, anche grazie all’intervento di esperti, del “tema dell’anno”, che è questa volta quello ambientale, sintetizzato dallo slogan Io ci tengo.

Nelle prossime settimane, inoltre, inizieranno le uscite: quelle sportive e culturali per la scuola secondaria di primo grado e l’alternanza scuola-lavoro per il Liceo.

La prima delle attività, che si svolgerà nell’ambito del progetto di continuità, sarà l’esperienza di sci di fondo che vedrà gli alunni di 5a della scuola primaria e delle classi prime e seconde della scuola media impegnati sulle piste di Cunardo.

Seguirà l’uscita per seguire il musical in lingua inglese “The Canterville Ghost”, che i ragazzi stanno studiando con l’insegnante madrelingua che affianca le docenti curricolari per un’ora alla settimana in ciascuna classe della secondaria di primo e secondo grado.

Arriveranno poi le visite didattiche a Firenze, Parma e Lisbona ed anche a Villa Della Porta Bozzolo, sito del Fondo Ambiente Italiano che un nutrito gruppo di alunni di Roggiano conoscerà nell’ambito del progetto FAI Scuola “Apprendisti Ciceroni”.

Questi sono solo i prossimi di tanti impegni che l’Educandato propone in un’offerta formativa ricca in ogni ordine di studio, mettendosi in ascolto e in dialogo con il territorio e ponendo sempre gli alunni al centro, come insegna la pedagogia dell’accoglienza delle Suore di Santa Marta.